Introduzione

Le lesioni facciali rappresentano circa l'8% di tutte le lesioni legate allo sport. Anche se le lesioni facciali possono presentare un sanguinamento copioso, il medico non deve farsi distrarre dai principi di base della gestione e del trattamento di un giocatore gravemente ferito.

Come dichiarato nel primo capitolo: "Il trattamento di un giocatore gravemente ferito o infortunato richiede una rapida valutazione delle lesioni o dell'infortunio e l'avvio delle cure appropriate in un ambiente sicuro per salvare la vita o gli arti. - è necessario un approccio sistematico"

Una volta completata l'indagine primaria ed eventuale rianimazione necessaria, è necessario valutare e gestire eventuali altre ferite durante l'indagine secondaria. In tal caso, si prendono generalmente in considerazione le lesioni facciali.

In ambito sportivo, i pazienti affetti da lesioni facciali sono di solito in grado di proteggere le proprie vie aeree. Tuttavia, se il paziente presenta un livello di coscienza ridotto, una frattura significativa nella parte centrale del viso o un'emorragia nella cavità orale, le vie aeree possono essere a rischio, in particolare se il giocatore è sdraiato supino. La gestione dei problemi delle vie aeree è stata trattata nel primo capitolo.

È fondamentale che l'indagine secondaria sia condotta in modo strutturato. In questo modo vengono esaminati sia i tessuti molli che quelli duri, senza tralasciare nulla, compresa la cavità orale.